Skip to content

SAPORIDICASA.INFO

Scarica Di Casa, italiano blog

SCARICARE COROLLARIA DEFINIZIONE


    Contents
  1. SCARICARE COROLLARIA DEFINIZIONE
  2. LA PERCEZIONE DEL MOVIMENTO
  3. Simulazione
  4. Corollario - Wikipedia

nel dizionario di italiano dal paragone tra queste e le informazioni provenienti dal cervello (scarica corollaria o feed-back interno) in verso destra), all'impulso nervoso verso il muscolo si accompagna una scarica corollaria (Efferenzkopie). Secondo questa teoria, una copia di questo segnale, definita copia efferente o scarica corollaria, viene inviata contemporaneamente al brain comparator. di David Burr, Maria Concetta Morrone - Dizionario di Medicina () .. Questo segnale, detto di scarica corollaria o di copia efferente, è un segnale motorio. corrisponde infatti un significato che noi comprendiamo e possiamo comunicare. .. UN FENOMENO detto SCARICA COROLLARIA, si tratta di un concetto di. LA SCARICA COROLLARIA o COPIA EFFERENTE: La mente e il pensiero . IL CONCETTO È L'AMPLIAMENTO DEL SIGNIFICATO DI UN.

Nome: re corollaria definizione
Formato:Fichier D’archive
Sistemi operativi: MacOS. Android. iOS. Windows XP/7/10.
Licenza:Gratuito (* Per uso personale)
Dimensione del file:26.82 MB

SCARICARE COROLLARIA DEFINIZIONE

Jump to. Sections of this page. Accessibility Help. Join or Log Into Facebook. Email or Phone. Forgot account? Sign Up. Le allucinazioni uditive nei disturbi di personalità borderline e nelle psicosi.

Le allucinazioni si verificano quando le persone vedono, ascoltano, sentono o percepiscono in altro modo cose che non sono reali, ma sembrano essere molto reali e parte dell'ambiente circostante. Le allucinazioni di solito compaiono improvvisamente e non possono essere controllate.

Ricerche di psicologia. Angeli editore Milano Google Scholar. Henderson L, Rose P, Henderson S Reaction time and movement time in children with developmental coordination disorder. Motor control —60 Google Scholar. Hill EL A dispraxic deficit in specific language impairment and developmental coordination disorder?

Evidence from hand arm movements. Missiuna C, Polatajko H Developmental dyspraxia by any other name: are they all just clumsy children?

Pieck JP, Coleman-Carman R Kinaestetic sensitivity and motor performance of children with development co-ordination disorder. Rizzolatti G, Gentilucci M Motor and visual-motor functions of the premotor cortex. Sabbadini G, Sabbadini L La disprassia in età evolutiva.

Zanichelli editore Bologna Google Scholar. Smyth MM, Mason UC Direction of response in aiming to visual and propior septive targets in children with and without developmental coordination disorder. Smith TR Clumsiness in children: a defect of kinaesthetic perception? Child care healt development —36 Google Scholar. Wilson PH, MacKanzie BE Information processing deficits associated with developmental coordination disorder: a meta-analysis of research findings.

Maria Nuova Reggio Emilia 2. Distretto di Carpi U. Personalised recommendations. Tuttavia questi segnali intermodali possono essere attivi solo se essi sono congrui con i segnali delle altre modalità e pertinenti al compito percettivo.

Come avvenga la fusione delle varie sensazioni in un percetto unico è tuttora materia di studio. Ruolo e funzione dei concetti a priori. Nella percezione le leggi della Gestalt, come la prossimità, la simmetria, la continuità, ecc. Date le probabilità statistiche dei segnali del mondo esterno, è ben più raro che un segnale cambi bruscamente orientamento nello spazio piuttosto che variare gradualmente; oppure che elementi simili siano anche più prossimi invece che più distanti o che si raggruppino più frequentemente.

Ovviamente una percezione generativa è fortemente soggetta a errori e probabilmente il sistema ha meccanismi di controllo per verificare se il modello utilizzato per il confronto percettivo è quello adeguato.

Percezione cosciente e non cosciente. La definizione di percezione, comunemente accettata, implica un riconoscimento e una presa di coscienza dello stimolo. Il paziente è cieco e non cosciente della presenza di stimoli visivi, ma in condizioni di scelta forzata riesce a determinare la presenza dello stimolo e la sua posizione.

SCARICARE COROLLARIA DEFINIZIONE

La percezione in assenza di una profonda sinergia con il sistema motorio sarebbe molto povera. Molti studiosi del sistema motorio infatti considerano che sia questo a rifinire e ad agire da collante delle varie analisi percettive. Eppure, la nostra percezione del mondo è costante e la sua rappresentazione mentale è invariante rispetto alla posizione dei sensori.

Filtraggio dei segnali in input Tramite meccanismi di convergenza e divergenza degli output dai recettori, i sistemi sensoriali generano filtri, molto spesso non-lineari, che estraggono informazioni molto specifiche dal segnale in ingresso. Il dolore e la sua inibizione:pag. Ha un effetto anche su sistema limbico, ha effetti anche sul dolore psichico. Poi ci sono le encefaline:Leu-encefalina e Met-encefalina 5 aa, sono polipeptidi. Sostanza P aa Derivano dalla POMC proopiomelanocortina :prodotta da ipotalamo, in sistema limbico quindi, è un polipeptide di una settantina di aa: se viene rotta in un certo punto si porducono endorfine, oppure in un altro, ACTH.

Si chiama "melano" perchè viene prodotto anche il MSH, melanocitostimolante il colore della pelle dipende dalla quantità di melanina prodotta. Tali sostanze sono state scoperte primariamente in animali predati, forse perchè se un animale deve fuggire e si ferisce, deve sentire il dolore il meno possibile per scappare.

Attività fisica: produce molecole oppioido simili. Saranno implicate nel gate control. Appartiene ai nuclei intralaminari quelli che inducono il sonno. Si capisce che i centri superiori possono modificare il dolore in tale modo.

Se aumentano tali moti, è possibile che aumenti il passaggio di una sostanza. A questo sono connessi i concetti del self, dell'io, di me stesso. La coerenza del comportamento è causata per es dai bisogni interni dell'organismo e dell'io. Il cervello quindi ha un fenomeno di incoerenza, che viene reso coerente dai bisogni per es, che sincronizzano gli eventi casuali, rendendoli finalistici.

La motivazione, è endogena, viene dall'interno indotta dai bisogni, è un programma, che non prevede ancora il movimento. Dalla motivazione scatta l'azione quindi, ma all'azione è connessa anche la scarica corollarica, ossia la consapevolezza che sto agendo, che sto eseguendo una azione. L'intenzione attiva tale area. E' una costruzione di un mondo, che per lui è reale.

Lorenz, è il legame che si instaura tra il piccolo e la madre, subito dopo la nascita. E' coinvolto in questo fenomeno l'odorato, il senso che non ha relay talamico. L'apprendimento di una lingua è correlato al fatto che la madre parla, e il bambino inizia a memorizzare certi suoni, certe sonorità La semantica studia proprio i significati delle parole.

I significati sono degli eventi mentali, immateriali. La sinapsi neuromuscolare-la placca motrice:pag. Tali recettori sono nicotinici muscolari NM ,. Il cuore non si blocca perchè ha recettori muscarinici. Per rimuovere il curaro decurarizzare si usano le stigmine, agisco grazie alla legge delle azioni di massa, perchè aumentando le molecole di Ach, i recettori non legheranno più curaro ma Ach.

E' un fenomeno analogico. Se si vuole studiare il potenziale di placca bisogna curarizzare le fibre: i potenziali si propagano con una costante di spazio di 4 mm. La placca neuromuscolare funziona sempre con fenomeni di sink-source. L'ampiezza del segnale è sempre mV. La propagazione avviene come una normale fibra nervosa amielinica, non c'è conduzione saltatoria semplicemente perchè non c'è mielina. Ionoforesi: iniezione con una micropipetta di sostanze chimiche in una fibra muscolare, per es Ach: succede nulla.

Inietto non sulla fibra ma a livello della sinapsi: si verificherà uno spike. Nella placca neuromuscolare è presente una microsecrezione spontanea di neuromediatore, a causa di agitazioni termiche delle molecole potenziali di placca in miniatura. Altri sistemi per diminuire eccitabilità della sinapsi: Anestetico locale, TTX, oppure succinilcolina come decametonio decametonio, esametonio rendono la membrana postsinaptica depolarizzata, cosicchè sia ineccitabile , gallamina Sostanze curarosimili:sincurarina, gallamina,decametonio, d-tubocurarina flaxedil.

Ricorda la presenza delle triadi, in cui è raccolto il calcio, nel reticolo sarcoplasmatico, nei mitocondri L'attrazione tra le molecole pare sia dovuta a forze elettrostatiche tra aminoacidi. Tutto il fenomeno necessita di ATP, di energia, sia nell'attacco, sia nel rilascio: un esempio notevole è rappresentato dal rigor mortis, in cui c'è un evidente stato di rigidità muscolare a causa della mancanza di energia per rilasciare i legami actomiosinici. C'è un aumento di energia viscoelastica in tale modo, aumenta la tensione, ma sarà un effetto passivo, non attivo.

C'è un ritorno elastico delle componenti in parallelo. Molecole: 1.

LA PERCEZIONE DEL MOVIMENTO

Ca distacca troponina I dal sito tropomiosinico. Tubulina e titina: elementi elastici in serie: collaborano nello scorrimento. Sono proteine di natura fortemente elastica, una sorta di molla. Nebulina: legata al filamento sottile.

Simulazione

La contrazione si ripercuote sul tendine, che "tira" l'osso. La tendinite o una rottura di un tendine non permettono più il movimento corretto. Movimenti rapidi, immediati. La tetanizzazione si rifletterà inevitabilmente anche sugli elementi elastici del muscolo. Nei casi di emiballismo invece non si verificherà il tetano. Il tetano incompleto è chiamato clono. Elettromiogramma: pag. Se si pone un microelettrodo in un muscolo si potrebbe registrare l'attività di un singolo neurone SMU:Single motoneuron Unit.

I recettori:pag. Telecettori: vista, udito, olfatto. Propecettori o esterocettori : recettori di superfice come quelli gustativi, che sono considerabili anche chemocettori.

Propriocettori: quelli profondi, muscotendinei, oppure quelli vestibolari deputati al mantenimento della postura, dell'equilibrio, definito talvolta 6 senso. Enterocettori: recettori viscerali, interni deputati per es ad analisi pH del sangue, riflesso di Hering Brewer L'assone dentro il recettore è nudo, c'è la sola membrana, non mielina.

Nel I nodio di Ranvier ci sarà una concentrazione pazzesca di canali. Si genera una ddp: corrente esce dal catodo, attiva i sensori del canale volt dip, Na entra in maniera selettiva.

Nasce un potenziale d'azione, dove ci sono i canali al Na volt dip. Ci sarà un sink a livello del primo nodo di Ranvier. Come fanno i recettori ad informare della diversa intensità degli stimoli?

I recettori codificano la variazione analogica dell'intensità con variazioni di frequenza. I neuroni centrali valutano l'intervallo delle scariche, se è più breve, vorrà dire che la scarica sarà maggiore, più elevata. I cervelli non valutano quindi la globalità degli impulsi, ci vorrebbe troppo tempo perchè si dovrebbe "contare" il numero di stimoli in arrivo.

Saranno presenti dei fenomeni di microadattamento. Alla base dell'adattamento c'è la capsula, che permette all'assone "di sfuggire" agli impulsi. Il ramo periferico che si comporta da dendrita, anche se è un lungo assone raggiunge il cosidetto recettore, che è una modificazione anatomica di cell presenti a livello della pelle. Tale strato garantisce la protezione da offese meccaniche. Sono presenti poi altre cell, come melanociti.

A questo discorso si collega il fatto che i recettori capsulati sono adattabili, mentre le terminazioni libere come quelle dolorifiche non si adattano. Il dolore è utile, "benefico" per certi versi. Presentano incredibilmente delle stem cells, cell staminali totipotenti, questo per necessità riparatorie: infatti se la cute viene lesa, e il bulbo resta intatto, le cell staminali si attiveranno per riparare quanto danneggiato. I peli sono caratterizzati da muscoli elevatori del pelo che esplica la sua azione per es nel fenomeno della "pelle d'oca".

In caso per es di una iperstimolazione profonda pizzicotto , si scatena anche una informazione dolorifica. Quindi il cervello interpreterebbe più il codice che la zona o il corpuscolo che ha prodotto uno stimolo. Dipende se si assume un punto di vista "da fisiologo" o "da anatomico". Fondamentale per la sua stazione è stato lo sviluppo dei propriocettori muscolari, tendinei e pure vestibolari. Servono per garantire la stazione eretta. Tutte le attività distali eseguite dall'uomo necessitano di tali strutture.

Vanno da 10 a 10 mila in base alla dimensione del muscolo da un minimo nelle dita a un max nel quadricipite. Servono per mantenere la lunghezza dei muscoli costanti di fronte a forze che ne varierebbero la lunghezza.

I fusi sono recettori da stiramento, ma se il muscolo si contrae, accorciandosi quindi, il cervello perderebbe il segnale. Il fuso è l'unico recettore che riceve una innervazione efferente dai centri, per permettere tale allineamento. I gamma motoneuroni sono controllati dai sistemi reticolo spinali discendenti RAS. Scarica tonicamente sui gamma motoneuroni, e di conseguenza questi sui fusi neuromuscolari.

I gamma possono attivarsi anche indipendentemente dagli alfa, grazie a questa innervazione. Permettono anche di recepire la componente accelerativa: le fibre a fiorami percepiscono la componente statica, mentre quelle IA la componente accelerativa.

Quando il muscolo si contrae, tale recettore si deforma e non scarica più solo sperimentalmente. Se non ci fosse il controllo gamma non ci sarebbe l'allineamento. Il controllo gamma c'è sempre, proprio grazie alla coattivazione. Prima dello stiramento ci sono degli spikes, generata dal sistema reticolare gamma motoneurone- fuso neuromuscolare. Prima di ogni evento meccanicamente distorcente il fuso, esso è sotto controllo centrale.

Se asporto tale controllo, sparirannogli spikes. Scarica sempre per la reticolare spinale. Somiglia a un barocettore carotideo-aortico, perchè anche questi scaricano sempre, in continuazione. Il fuso ha una scarica prima di qualunque effetto.

Gli alfamotoneuroni possono quindi essere attivati dalle vie vestibolospinali. Variazioni di tono sono legate a disfunzioni centrali: il SNC va ad attivare i fusi come se ci fosse lo stiramento del muscolo, anche senza effettiva contrazione.

La zona equatoriale del fuso si atttiva come se il muscolo fosse stato stirato. In caso di lesione cerebellare si avrà ipotonia, perchè struttura attiva i sistemi reticolospinali -gammamotoneurone, si avrà una disfunzione dell'anello gamma-alfa. I fusi sono attivi sia per un atto motorio, sia per un evento centrale. In condizioni di riposo, il fuso scarica di continuo. Sono a soglia più alta, durante la contrazione del muscolo la tensione del muscolo stesso porta a una scarica dell'organo tendineo di Golgi.

La componente gamma aumenta la sensibilità del fuso, in più si attivano prima dello stretch. In oltre i motoneuroni gamma preattivano il motoneurone tramite l'anello alfa gamma. Ci sarebbe anche una preattivazione gamma, sempre un fenomeno di preattività preallerta gamma motoneurale.

Accelerazioni lineari: percepite da utricolo e sacculo. Sono presenti otoliti, concrezioni calcaree che. Accelerazioni angolari: percepite dai canali semicircolari In entrambi i casi ci saranno le cell ciliate o capellute : c'è un chinociglio e ci sono stereociglia: l'eccitamento, che porta a un cataelettrotono aumento eccitabilità , porta lo spostamento del chinochiglio verso la sua parte libera e viceversa anaelettrotono, diminuzione eccitabilità se si porta verso stereociglia che sono legate tra loro tramite tip-links, di actina.

In più si deve considerare che in questo sistema deve esserci anche la sincronizzazione con i movimenti oculari. Ogni movimento a sn della testa viene compensata da una controrotazione dell'occhio. Tutti gli elementi sono connessi al fascicolo longitudinale mediale, grosso fascio di fibre che unifica collo, vestibolo e occhi.

Si hanno le cinetosi mal d'auto, aereo Recettori maculari:pag. Ampolle gelatinose. Senso ampollipeto: cataelettrotono.

Corollario - Wikipedia

Portano ad attivazione dei nuclei vestibolari, soprattutto quando non c'è una attivazione simmetrica di entrambe le strutture di dx e sn, quindi nei movimenti laterali, non avanti e indietro, in cui l'attivazione sarà simultanea.

Senso ampollifugo:anaelettrotono. Fondamentale è il principio di inerzia: il liquido, in un movimento, stimolerà il canale opposto rispetto al senso in cui mi sposto. L'endolinfa tenterà di mantenere la sua posizione quindi.

Vie vestibolari centrali:pag. Nucleo vestibolare di Deiters: è' considerato il 5 nucleo cerebellare fuori dal cervelletto infatti riceve fibre dalle cell di Purkinje. Nucleo di Roller inferiore : trasferiscono a flocculo e nodulo le info vestibolari, deputato al riflesso Quindi in generale sono deputati al tono muscolare, al movimento degli occhi e al controllo dei movimenti.

Viceversa avremo un anaelettrotono. Sono sistemi tonici. La scarica a riposo del fuso neuromuscolare si riflette sulle vie vestibolospinali.

Il tono muscolare dipende quindi da una cooperazione di vie reticolospinali anello gamma alfa e vestibolospinali. Nell'uomo viene continuamente stimolato il sacculo.

Non è che non la vede, la ignora. Quindi il lobo parietale è deputato anche a dare orientamento spaziale, la spazialità del campo visivo. Fondamentale è il nesso tra visione, equilibrio e spazialità. I nuclei vestibolari, attraverso nucleo genicolato mediale del talamo, riproiettano informazioni alle aree vestibolari del cervello:corteccia parietale, area 7, responsabile dell'analisi dello spazio.

Zone ectosilviane: situate posteriormente, a livello del lobo parietale appunto. Rotatorio: Componente lenta:Per mantenere immagine su fovea deve esserci un contromovimento: componente vestibolare. Componente rapida: il movimento rapido saccadico invece batte nella stessa parte del movimento: dipende dai collicoli superiori nonchè da aree frontali frontal eyes fiels oppure posterior eyed fields.

Le cupole ampollari non vengono più sollecitate dall'inerzia quando velocità di rotazione è costante, se accelerazione è costante, non c'è più inerzia. Per stimolazione termica: In clinica si usa il sistema di stimolazione termica: iniettando nel meato acustico esterno acqua tiepida o fredda: si generano fenomeni convettivi di endolinfa, che stimola i recettori. Oppure c'è il nistagmo optocinetico, tipico di chi guarda fuori dal finestrino in treno. Guardandoci allo specchio non si riesce a vedere il movimento dei nostri occhi soppressione saccadica : nel momento in cui devo muovere l'occhio, la scarica corollaria dei muscoli oculari dotati di recettori sensibili allo stiramento inibisce l'immagine retinica.

Il movimento saccadico serve per far "ricaricare" il pigmento nelle cell della retina. Foveazione: ossia il fatto che l'immagine che si sta guardando deve terminare sempre sulla fovea. Il movimento orizzontale degli occhi è dato da 2 nervi cranici: VI:abducente, lo porta verso l'esterno, tramite il muscolo retto laterale.

Il III, oculomotore, innerva retto interno: si attiverà abducente del dx, e retto mediale del sn ovviamente, per avere un movimento coordinato. Questo fenomeno è detto VOR: vestibolar ocular reflex: atto motorio degli occhi, controllato dal cervelletto tramite archicerebello, formato da 2 flocculi e dal nodulo mediano X segmento vermiano.

Si esercita un meccanismo di regolazione tramite queste zone, a feedback: una uscita agisce tramite una scarica corollaria sull'origine della scarica uscente. Se uscita è in eccesso, il feedback riduce l'entrata. C'è anche un meccanismo a feedforward, in avanti, non è retroattivo come per es la contrazione muscolare e i fusi neuromuscolari : si precede il movimento. VI:solo retto laterale IV:solo grande obliquo. Nucleo motore dorsale del vago: innerva stomaco, fegato, pancreas strutture sottodiaframmatiche.

Di norma permette a smaltimento di sostanze dannose come alcol E' causato dall'effetto del vago, che causa contrazione di stomaco "a clessidra".

La locomozione:pag. La fase di appoggio varia in base al contesto, ossia in base alla velocità, dipende dalla periferia. La fase oscillatoria è sempre costante, ha delle componenti di programma centrale. E' quella in cui l'arto è sollevato da terra.

In più il bambino è troppo pesante per reggersi, mentre se messi in una vasca d'acqua, il bambino riesce a compiere i movimenti del moto. Dai 6 mesi in poi il bambino tiene la testa abbastanza rigida. Se c'è attivazione dei flessori, ci dovrà essere inibizione degli estensori e viceversa.

Agiscono gli interneuroni, capaci di attivare alternativamente muscoli antagonisti. Si avrà:flessione, da un lato, ed estensione controlaterale per dare stabilità. La parola, la fonazione:pag. Ma cosa è avvenuto prima di parlare? Si parla di nenie, in principio, oppure musica aspetti ritmici in particolare, perchè c'è qualcosa che ci ricorda la nostra origine Oppure il gesto sembra abbia originato tutto.

Anche il pianto del bambino è una sorta di protocomunicazione. Ho in memoria, in mente già un certo programma motorio che permetterà di eseguire quello che voglio. Idem quando sento un suono: si parla della teoria motoria della percezione del linguaggio, motor theory of speech perception: capisco un suono perchè ho in testa lo schema motorio che mi permetterebbe di produrre quel suono.

La grammatica precede la logica: prima si impara a fare dei suoni, poi ci si rende conto della portata semantica della parola.

In più c'è il fenomeno di intersoggettività che lega la madre e il figlio. Si regredisce allo stesso modo che si progredisce. Nell'aprassia si ha incapacità di eseguire movimenti sequenziali, è dovuta a lesioni del lobo sinistro. Il lobo destro è invece importante perchè se danneggiato darà neglect spaziali. Rientrano in questo caso anche le prosopagnosie. E' inoltre maggiormente connesso con i sistemi delle emozioni: grazie al lobo destro si garantirà la prosodia alle parole, ma allo stesso tempo, in caso di danneggiamento, si avrà una maggior fragilità emotiva.

Lesioni lobari avranno effetti differenti in base a quale viene colpito. Il lobo sinistro è sempre dominante, ma ci sono delle variabilità di questa dominanza.

Ma cos'è la destra, cos'è la sinistra? Oppure grasp reflex: vedere se il bambino prende con le mani un dito postogli vicino. Anche un paziente con lesione in area 6 presenta tale riflesso:nel bambino accade perchè non c'è ancora una totale mielinizzazione, mentre nell'adulto avviene perchè le cell sono state distrutte.

Deriva dalle origini antiche dell'uomo, dal fatto che le scimmie si muovono tramite i rami degli alberi, a cui devono appendersi per non cadere. In più c'è l'area motoria supplementare SMA. Invece nel bambino, in cui la mielinizzazione non è ancora completata, si ha dorsiflessione con apertura a ventaglio delle dita.

E' uno specifico e preciso segno patognomico. Routing reflex:utile per la nutrizione:i bambini girano automaticamente la loro faccia verso uno stimolo e fanno con la bocca il movimento di suzione. Focomelia: mancanza degli arti. Read Free For 30 Days. Much more than documents. Discover everything Scribd has to offer, including books and audiobooks from major publishers. Start Free Trial Cancel anytime. Fisiologia II-Neurofisiologia-parte I.

Spero possano essere utili. Chiedo scusa per errori di concetto o di battitura! Flag for inappropriate content.

Related titles. Carousel Previous Carousel Next. Fisiologia - Riassunti Kandel "Principi di Neuroscienze" cap. Cervelletto, nuclei della base, controllo della postura, sistema ventricolare. Jump to Page. Search inside document. Aree aree uditive Area Wernike Aree Brocà pag. Neuroimmunologica psiconeuroimmunologia :pag. I comportamenti dei pazienti autistici sono differenti in base al fatto che siano presenti o meno altre persone: per esempio possono dimostrare grandi abilità se sono da soli, oppure ridono in maniera non appropriata, non guardano negli occhi le persone, ripetono le parole o parlano incessantemente di stessi argomenti, preferiscono la reiterazione, la ripetizione di azioni e non Fisiologia II-Pippo Federico-A.

Riassunto di quanto detto:pag. Le sinapsi:pag. La corrente in uscita è un cataelettrotono stimolante, mentre quella in entrata è anaelettrodo, Fisiologia II-Pippo Federico-A. C'è un ritorno elastico delle componenti in parallelo Molecole: 1. Related Searches Neurofisiologia. Documents Similar To 1. Shaun Ivan Muzic. Matteo Paolucci. Dario Dall'agata. Giordano Perin. Laura Treggiari. Manuela Orani. Alessandro Alpi.

More From FedericoPppzPippo. Recensione 2 libri: Nelle tue mani e L'uomo con il camice bianco. Popular in Axon. Edoardo Di Piero.

Chiara Vitali. Elena della Vella. IronPaolo DangerousFitness.

Anna De Simone. Roberta Rossi. Serena D'Ottavio. Angelo Avellino.